.
Annunci online

...semplicemente democratico!!!

17 luglio 2009
Ordine Pubblico a Macconi
 

                                                                                

                                                                             Acate, li 17 luglio 2009

                                                                Al Signor Sindaco di Acate

                                                               All’Ill.mo Sig. Prefetto di Ragusa

                                                               Al Questore di Ragusa

ORDINE PUBBLICO A MACCONI

Già da diverse settimane la nostra comunità, come ogni anno, ha ripreso a frequentare la stazione balneare di Marina di Acate. Frequentatori occasionali, residenti, turisti.

Chi, però, permane nel sito si rende facilmente conto della delicata condizione dell’Ordine Pubblico. Marina di Acate è una sorta di zona franca in cui è concessa la libertà di circolazione a persone prive di alcun controllo. Ci si imbatte nella presenza di alcolisti più o meno molesti che spesso infastidiscono impunemente i passanti, di improvvisati “piloti di rally” che scambiano il lungomare per un circuito, incuranti della presenza di pedoni, oltre ai vari e noti episodi delittuosi legati ai reati di tipo ambientale (roghi di plastiche e vari).

Tutte le situazioni descritte, non certamente esaustive, riteniamo siano connesse alla scarsa presenza di controllo del territorio da parte delle istituzioni a ciò preposte e determinato, probabilmente, da uno scarso coordinamento delle attività di ispezione.

A tale scopo ci permettiamo di suggerire un percorso di cui l’Amministrazione Comunale si faccia portavoce nelle sedi istituzionali che leggono per conoscenza la presente missiva.

Sollecitiamo un accordo/convenzione tra il Comune di Acate e le stesse istituzioni tutrici dell’Ordine Pubblico in cui si convenga la presenza giornaliera, soprattutto nelle ore serali, di forze dell’ordine a presidio del territorio.

La presenza costante di pattuglie dei VV.UU., dei Carabinieri, della Polizia e della Guardia di Finanza, con un programma ciclico di presenza (e permanenza) per il restante mese di luglio e per il mese di Agosto porterebbe un serio ristoro ad una comunità che, oggi, appare sfornita di forme di tutela pubblica che le consenta un soggiorno sereno nella località balneare.

Naturalmente il nostro è solo un suggerimento, qualsiasi altra forma di tutela e/o iniziativa sarà ben accolta.

Facciamo conseguentemente un appello al Sig. Sindaco del Comune di Acate affinchè si faccia portavoce delle esigenze sopra descritte rivolgendo un contestuale invito agli enti preposti affinché raccolgano questo appello con la massima sollecitudine.

                                                                                                            Il coordinamento del

                                                                                                             Partito Democratico

                                                                                                                        Acate


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ordine pubblico acate macconi

permalink | inviato da mahatma il 17/7/2009 alle 17:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 luglio 2009
Officina Democratica: si parte!
 

OFFICINA DEMOCRATICA

C’è aria di nuovo, c’è voglia di cambiamento e di rinnovata partecipazione.

Un gruppo di persone, uomini e donne di questa comunità, ha sentito l’esigenza di incontrarsi per capire in che modo e attraverso quali percorsi è possibile affrontare questa sfida.

L’esigenza si fonda sulla consapevolezza che la ricchezza di idee e di iniziative non può prescindere da un richiamo a tutti coloro che, per ragioni diverse e pur guardando al centro sinistra con interesse, non hanno sin’ora trovato la voglia di esserci.

Molti di noi hanno rotto questo silenzio inaugurando un nuovo progetto:

un laboratorio politico-culturale in cui, iscritti al Partito Democratico e simpatizzanti del centro-sinistra, si possano incontrare per elaborare nuove idee e definire comuni strategie. L’obiettivo è quello di rinnovare la politica ad Acate a partire dal modo di intenderla.

Sentiamo la necessità, oggi, di vedere realizzato un percorso di partecipazione che abbia la capacità di ascoltare tutti e che a tutti dia lo spazio per esprimere giudizi, dare consigli, realizzare progetti .

OFFICINA DEMOCRATICA è il luogo – fisico ed intellettuale - in cui abbiamo deciso di lavorare per questi obiettivi.

Invitiamo pertanto alla partecipazione tutti coloro che, insieme con noi, vogliano condividere questa aspirazione.


3 luglio 2009
Il Pd di Acate presenta "Officina Democratica"
 

Il Partito Democratico di Acate,

- tenuto conto dell’attuale scenario politico, che ad Acate, come nel resto del Paese, registra sempre di più la carenza di etica e di valori, e dove molto spesso, nei protagonisti della politica locale, il senso di responsabilità per il bene comune è sopraffatto dal desiderio di inseguire interessi personali o di parte;

- ritenendo necessario promuovere tutte quelle iniziative volte al recupero di quella credibilità della classe politica che oggi viene vista “lontana” dagli interessi dei cittadini;

- nell’intento di un maggiore coinvolgimento di soggetti con l’obiettivo di far crescere una nuova classe dirigente che potrebbe rappresentare quel ricambio generazionale tanto auspicato e necessario affinché la politica stessa torni ad essere “ascolto”, “confronto”, “dialogo” e torni a mettere al centro la gente ed il territorio;

COMUNICA

alla cittadinanza l’inaugurazione di un laboratorio politico, “OFFICINA DEMOCRATICA”, che ha come obiettivo il rinnovamento della politica ad Acate a partire dal modo stesso di intenderla.

Nella certezza che tale iniziativa possa rappresentare l’inizio di una nuova stagione politica del centro-sinistra e che possa contribuire ad avviare un confronto politico più civile e più attento alle reali esigenze di crescita del nostro paese il Partito Democratico di Acate augura ai promotori di questa iniziativa un proficuo lavoro.

                                                                                                Il Coordinamento del
                                                                                           Partito Democratico - Acate


3 luglio 2009
Lunedì 6 luglio riunione Pd Acate
Lunedì 6 luglio alle ore 20:00 presso la sede di corso Indipendenza si terrà una riunione di coordinamento, come al solito, aperta a tutti gli iscritti e simpatizzanti. Argomenti in discussione saranno:
- riflessioni post-elettorali
- apertura della campagna congressuale con tutti gli appuntamenti in calendario.
Sarà presente il coordinatore provinciale Pippo Digiacomo al quale sarà sottoposto anche il progetto che stiamo portando avanti che abbiamo intenzione di chiamarlo "Officina Democratica". Un progetto che sta entusiasmando diverse persone e che sta attirando curiosità nel mondo politico acatese. Sarà l'occasione, anche, per dare un'occhiata ai locali del primo piano che abbiamo provveduto a "bonificare" e che saranno adibiti a tante nuove attività ed iniziative del partito. 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. digiacomo congresso pd pd acate

permalink | inviato da mahatma il 3/7/2009 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 luglio 2009
Debora con Dario: tandem perfetto!
Ieri Debora ha ufficializzato di non candidarsi e di appoggiare la candidatura di Dario Franceschini. Nella speranza che si possa realizzare comunque quel tanto auspicato cambio di rotta del Pd, rispettiamo la decisione di Debora e impegniamoci, in tutti i circoli, a portare avanti le idee che tutti quanti stiamo esprimendo attraverso il suo blog ed il network di "Primavera Democratica".

20 giugno 2009
Mercoledì 24 giugno nuovo incontro laboratorio politico
Alla fine, forse per colpa di coloro che ancora non avevano mangiato, forse perché ad una buona pizza non si può proprio resistere, il caffè e l'amaro hanno lasciato il posto ad un giro-pizza!
L'appuntamento di mercoledì scorso al Basium è stato molto proficuo. Certo, le idee erano tante, le discussioni a volte si accavallavano, anche perché avevamo tutti tanta voglia di parlare e confrontarci sul futuro del Pd, in particolar modo di quello locale. 
Si è parlato del risultato elettorale delle ultime europee, di Crocetta, della Borsellino, della Serracchiani, ma soprattutto della voglia di essere protagonisti di un nuovo corso nel Partito Democratico a livello locale. 
Questo "laboratorio politico", o "Laboratorio Democratico", vuole essere un "luogo" di confronto tra persone, militanti e non, che hanno a cuore la voglia di cambiare radicalmente il modo di "fare" politica e dare un segnale a quanti ancora la vivono in maniera per così dire tradizionalista.
Il nostro cuore batte, senz'altro, a sinistra e non potrebbe essere altrimenti, ma i valori che stanno alla base del nostro impegno politico vanno attualizzati alle nuove problematiche, alle nuove aspettative degli elettori che mal sopportano un impegno di facciata.
Ci siamo presi l'impegno di iniziare questo percorso, di dar vita a questo laboratorio come stimolo ad un confronto reale all'interno del Partito Democratico di Acate.
Alla fine ci siamo dati un nuovo appuntamento a mercoledì 24 giugno alle 20:30 presso la sede del partito. La promessa è di coinvolgere altri amici, altri conoscenti e iniziare un cammino verso il cambiamento, verso un congresso che auspichiamo "vero" e "schietto".

17 giugno 2009
Torniamo al 14 ottobre!
 

La fuoriuscita, a Ragusa, di Frisina e Lo Destro dal Partito Democratico, anche se non mi ha colto di sorpresa in quanto già nell’aria da diverso tempo, è sintomo di una situazione di malessere diffuso, nella nostra provincia, che meriterebbe di essere, una volta per tutte, affrontato come si deve. Il 14 ottobre del 2007 sembra così lontano… tremilioni e mezzo di persone avevano partecipato alle primarie, trasformandole in un evento, con la speranza che il Partito Democratico, in Italia, potesse rappresentare la vera novità, il coraggio di cambiare radicalmente il modo di fare politica. Un partito che doveva (e poteva) liberarsi dai cosiddetti “apparati” e diventare, finalmente, un partito di massa. Ma se da un lato il popolo di centro-sinistra festeggiava la nascita del Pd con una grande partecipazione, dall’altro, col passare del tempo i “maggiorenti” di turno, a tutti i livelli, non hanno saputo interpretare come si deve questo segnale. Oggi, tanti delusi, rimpiangono quel 14 ottobre, quel progetto bellissimo che non si è concretizzato totalmente. Oggi, nelle sezioni, molti ci troviamo tra l’incudine e il martello. Tra vecchi dirigenti che si dimostrano “nostalgici” del vecchio sistema (soprattutto gli ex-Ds) e molte persone che, invece, vorrebbero vedere realizzato un radicale rinnovamento della classe dirigente, sicuramente capace di interpretare questa voglia di voltare pagina e modo di fare politica. Non possiamo ancora permetterci una politica di apparato, di strategia, di compromessi, di convenienze… La gente è stufa di tutto questo. Dobbiamo saper interpretare le vere esigenze della gente, coglierne i bisogni e avviare una vera politica che vada al nocciolo delle questioni. Le ultime elezioni europee, se da un lato hanno evidenziato una sempre maggiore disaffezione dei cittadini e la sconfitta dei partiti tradizionali, dall’altro, almeno nel Pd, hanno regalato autentiche “sorprese” di consensi verso candidati “alternativi” come Rosario Crocetta, Debora Serracchiani, la stessa Rita Borsellino, che hanno saputo catalizzare la fiducia di quanti, oggi, auspicano una direzione diversa. Ecco perché è importante continuare, in tutte le sezioni, a spingere il Pd in questa direzione, per ridare a tutti quell’entusiasmo del 14 ottobre, quell’atmosfera di cambiamento che si respirava allora e che continuiamo a desiderare. Impegniamoci, quindi, a sostenere questo progetto, a tutti i livelli, confrontiamoci con quanti hanno cuore la “buona politica”, solo così potremo veramente dare un senso al nostro impegno!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd rinnovamento classe dirigente

permalink | inviato da mahatma il 17/6/2009 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 giugno 2009
17 giugno ore 20:30 al "Basium"
L'appuntamento è per un buon caffè, o un amaro, ma l'obiettivo è quello di vederci, parlarci, confrontarci. Un giro di telefonate, un giro di sms e la Primavera Democratica potrà fiorire anche ad Acate!  Vogliamo parlare di politica, quella vera, non quella dei salottini e dei luoghi dove si decidono le "strategie", ma quella delle strade e del confronto con la gente per parlare dei problemi reali e delle soluzioni. Ci siamo stancati di discutere di maggioranza, di presidenze, di ricatti politici, di votazioni, insomma di temi così lontani dai veri problemi che affliggono Acate. Vogliamo andare oltre, vogliamo incontrare i giovani, gli anziani, la gente comune, vogliamo andare in piazza, ma con una mentalità nuova. Ecco perché è necessario scuotere questo Partito Democratico e riportarlo ai veri obiettivi che stanno alla base della sua nascita!

14 giugno 2009
Primavera Democratica!
Ci siamo! Pronti a partire con questo nuovo progetto, pronti ad impegnarci per un radicale cambiamento della politica sempre più lontana dalla gente, pronti per far fiorire ovunque la Primavera Democratica!
La strada è ancora lunga ma il sogno di una nuova classe dirigente non è impossibile e se davvero ci crediamo, tutti assieme, possiamo riuscirci!
Facciamo tesoro della testimonianza di Debora e mettiamo tanti altri semi sul nostro territorio. Solo così contribuiremo a far nascere, anche da noi, la Primavera Democratica!!!
http://serracchiani.eu/phplist/?p=subscribe&id=2

13 giugno 2009
BASTA CON QUESTA FARSA. IL SINDACO SI DIMETTA!!

 Il Consiglio Comunale di ieri sera ha confermato, ancora una volta, che la maggioranza non esiste e che Acate non è governata.
Nonostante i continui compromessi e stratagemmi politici, questa maggioranza è completamente in balìa di “gruppi” che agiscono nell’esclusivo interesse personale, cambiando di volta in volta il proprio orientamento secondo la propria convenienza.
A nulla è valso l’ultimo “sacrificio” operato dal sindaco che nei giorni scorsi aveva silurato l’assessore Menza (sostituendolo con una cugina del consigliere Denaro) usandolo come “merce di scambio” per ottenere l’approvazione del Bilancio da parte degli ex-AN.
Sin dall’inizio di questa farsa politico-amministrativa messa in scena dall’attuale maggioranza, abbiamo evidenziato come il consiglio comunale e l’amministrazione erano composti da signori/e che avevano un unico scopo: il proprio interesse personale. Non è stata portata avanti alcuna iniziativa a favore della cittadina (dalla cultura allo sport, dalle politiche sociali allo sviluppo economico). Nessun punto del programma elettorale è stato attuato. Solamente liti, compromessi, ricatti. Basta!!!
È giunto il momento che il sindaco tiri le dovute conclusioni e la smetta di fare giochi di prestigio. Prenda atto, una volta per tutte, che non ha mai avuto la maggioranza, sin dalla campagna elettorale, e che non gli resta altro da fare che staccare definitivamente la spina consentendo, così che con la morte di questa amministrazione, tutta Acate torni a vivere!
AVETE GIA’ DIMOSTRATO LA VOSTRA INCAPACITA’ DI GOVERNARE
SMETTETE DI PRENDERE IN GIRO I CITTADINI
ANDATE A CASA!
13 giugno 2009

Il Coordinamento di ACATE


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dimissioni sindaco acate ragusa

permalink | inviato da mahatma il 13/6/2009 alle 17:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia giugno